HOME PAGE | LE NEWS DI OF | VIDEO | OFNEWS | MAGAZINE DI OF | CLASSIFICHE | OFTRAVEL Untitled | Log In | Log Out | Registra 
 OSSERVATORIO FINANZIARIO |  HOME BANKING | MUTUI | IMMOBILIARE | PRESTITI | CONTI CORRENTI | PREPAGATE | INVESTIMENTI

Per disattivarsi dalla mailing list OFNEWS clicca qui – Per disattivarsi dalla mailing list OFNEWS1 clicca qui – Per iscrivere un amico clicca qui – Per comunicare con la redazione clicca qui
OF NEWS E' ORA IN VERSIONE MOBILE
CLICCA QUI!
Oppure visita dal tuo dispositivo mobile www.ofnews.tv
Compatibile con iPhone, iPad, Android e BlackBerry. Se leggi questa newsletter in versione cartacea, puoi usare il qrcode per accedere alla versione mobile.
USCITA DI VENERDì 24 OTTOBRE 2014
COVER STORY
Il Messaggero
Alle 12 Francoforte ha trasmesso via posta elettronica certificata i risultati agli amministratori delegati. Sono 15 le banche italiane coinvolte, è molto probabile che alcune sono state bocciate. Al momento tutti i vertici degli istituti italiani ed europei stanno analizzando le pagelle allo scopo di comprendere la votazione loro assegnata dai vigilanti europei.
Corriere della Sera
Notti prima degli esami. Domenica prossima l’esito dell’analisi incrociata tra Asset quality review e stress test, che darà vita all’Unione bancaria, con 128 istituti continentali che finiranno sotto il controllo diretto della Banca centrale europea (Bce), sarà pubblico. Promossi e bocciati, come in una grande Maturità d’Europa. Chi andrà avanti da solo, chi dovrà richiedere capitale ai soci e chi, infine, dovrà cercare alleanze con altre banche, fondendosi. Gli amministratori delegati saranno ufficialmente messi al corrente in anticipo, tra mercoledì e venerdì, nel più assoluto riserbo. Poi, a mercati chiusi, le comunicazioni ufficiali.
Milano Finanza
Intesa Sanpaolo è fiduciosa sull'esito degli stress test sul sistema bancario, ma è probabile che ci possano essere situazioni meno favorevoli. E' quanto ha dichiarato il presidente del consiglio di sorveglianza dell'istituto, Giovanni Bazoli, intervenendo a margine del Terzo Forum Euroasiatico a Verona, spiegando che una delle strade possibili per le banche che non supereranno l'esame è quella delle aggregazioni.
ECONOMIA & FINANZA
Milano Finanza
"Le richieste da parte dei grandi soci per cercare di ottenere maggiori payout non esistono". Lo ha affermato il consigliere delegato di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, intervenendo a margine del Terzo Forum Eurasiatico in corso a Verona, rispondendo a chi gli domandava se di riflesso all'inasprimento fiscale del governo sulle fondazioni si attendesse una richiesta di incremento dei dividendi da parte degli enti soci, per poter garantire le rispettive erogazioni.
Il Sole 24 Ore
Cambiano i vertici della Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo. Il ceo Carlo Messina imprime una svolta generazionale e riduce l'età media del top management di 10 anni promuovendo le risorse interne. Nominata per la prima volta anche una donna, Cristina Balbo, a responsabile: guiderà la direzione regionale di Piemonte, Valle d'Aosta e Liguria. ABBONAMENTO
Il Sole 24 Ore
Da Bankitalia arriva un importante via libera allo slittamento dei tempi di rientro dal deficit. Sull'aumento del deficit del 2015, sostiene il bollettino di ottobre di via Nazionale diffuso oggi, «data l'eccezionale durata e profondità della recessione, le scelte del Governo appaiono motivate». «Alla fine di settembre - prosegue il documento - il Governo ha aggiornato le previsioni di finanza pubblica di aprile alla luce del peggioramento del quadro macroeconomico. Viene confermato l'impegno a mantenere il disavanzo entro il 3% del prodotto, ma sia il percorso di avvicinamento all'obiettivo di medio termine sia quello di riduzione del debito subiscono un rallentamento», spiega l'istituto di via Nazionale. Rispetto alle previsioni a legislazione vigente, «l'indebitamento netto del 2015 viene accresciuto di 0,7 punti percentuali del prodotto, al 2,9%. Data l'eccezionale durata e profondità della recessione, le scelte del Governo appaiono motivate».
Il Sole 24 Ore
Prima o poi qualcuno tornerà a parlare di guerra delle valute. Come fece, sbagliando, il ministro delle Finanze brasiliano Guido Mantega nel 2010, quando le politiche ultraespansive delle banche centrali fecero sentire i loro effetti anche sul mercato valutario, mettendo in difficoltà i Paesi economicamente e politicamente più deboli. Oggi la storia si ripete, e non potrebbe essere altrimenti: la politica monetaria lotta contro il rischio di deflazione, le valute registrano i nuovi stimoli e gli effetti superano i confini delle singole economie o aree valutarie.
Il Sole 24 Ore
La crisi della zona euro non è ancora finita. Lo sottolinea Standard and poor's in un rapporto. Quest'anno i timidi segnali di ripresa hanno perso slancio e l'Eurozona sta forse entrando in «un'ostinata fase di crescita fiacca», in un contesto di indebolimento economico globale, indicano gli analisti dell'agenzia di rating. «La minaccia» di una nuova ricaduta in recessione, cioè «un triple dip» è «un campanello d'allarme», che contrasta con la calma di alcuni politici, si legge nello studio che ricorda le recenti stime dell'Fmi che indicano al 40% le possibilità di un'altra recessione nella zona euro.
Milano Finanza
Migliora inaspettatamente la performance del settore privato nella zona euro. L'indice pmi dell'attività economica è salito, nel mese di ottobre, a 52,2 punti dai 52 di settembre e contro una previsione di 51,5 punti, mantenendosi così al di sopra dei 50 punti che separano la contrazione dall'espansione. Nel dettaglio, l'indice manifatturiero è passato da 50,3 a 50,7 (49,9 il consenso) e quello dei servizi è rimasto invariato a 52,4 (52 la previsione).
Milano Finanza
Il gruppo bancario svizzero Credit Suisse ha chiuso il terzo trimestre con utile netto di 1,025 miliardi di franchi svizzeri, più che raddoppiato rispetto ai 454 milioni del corrispondente trimestre dello scorso anno, grazie alla buona performance della divisione wealth management e del trading obbligazionario. Il dato ha superto le attese degli analisti pari a 859 milioni di franchi. L'utile per azione (Eps) da operazioni ricorrenti è salito da 0,17 a 0,55 franchi svizzeri, quello di base da 0,26 a 0,55 franchi svizzeri.
AFFARI PERSONALI
Le News di Of
Il consuntivo non è eccezionale, ma non si può certamente parlare di un flop. La settima emissione del Btp Italia, si è chiusa giovedì 23 ottobre con una raccolta complessiva di oltre 7,5 miliardi di euro, di cui circa cinque raccolti tra i risparmiatori privati e il resto tra gli investitori istituzionali. La precedente emissione, la sesta, che offriva una cedola minima garantita dell'1,65% per una durata di sei anni aveva raccolto oltre 20 miliardi. Forse anche per rendere il confronto meno impietoso il Tesoro ha deciso, come è nelle sue facoltà al momento della chiusura dell'emissione, di aumentare il rendimento della cedola minima garantita. La soglia annunciata venerdì scorso era stata dell' 1,15%, il ritocchino di oggi porta il rendimento garantito della cedola all'1,25%
Milano Finanza
In attesa dell'esito del comprehensive assessment della Bce di domenica, sul principale listino milanese i titoli bancari hanno chiuso in ordine sparso con Intesa Sanpaolo in rialzo dello 0,69%, Unicredit dell'1,12%, Ubi Banca dello 0,73%, Banco Popolare dell'1,51%, Mediobanca +1,35% e Bpm del 3,06%, con Blackrock che ha ridotto la propria partecipazione dal 5,149% al 4,959%. Mps, invece, ha ceduto l'1,15% e Bper lo 0,4%. Saipem è salita dell'1,77% a 15,50 euro registrando un forte aumento di volumi dopo le dichiarazioni del presidente e ad di Rosneft, Igor Sechin, che in merito alla possibile cessione da parte dell'Eni (+1,04% a 16,59 euro) di una quota di minoranza della società ha affermato: "Saipem al momento non è sul mercato. Aspettiamo una proposta". Il numero uno di Rosneft ha anche palesato la possibilità di sviluppare un polo petrolchimico in Sardegna, infiammando il titolo Saras (+3,75% a 0,83euro), "non è per niente un cattivo asset". Dopo la nomina di Adil Mehboob-Khan a co-amministratore delegato di Luxottica con responsabilità per i mercati, l'azione di Agordo è salita dell'1,91% a 38,86 euro, mentre Amplifon (+1,52% a 4,528 euro) e Piaggio & C. (+1,51% a 2,15 euro) hanno beneficiato dei conti sopra le attese
Morningstar
Francesco Paganelli, Fund Analyst di Morningstar, presenta tre comparti (coperti dalla nostra ricerca) che investono sui mercati internazionali, con tre strategie diverse - (video)
Morningstar
Per correre di più, bisogna cavalcare i migliori. Il concetto è meno intuitivo di quello che sembra, soprattutto quando si parla di mercati e fondi di investimento. Il sistema, però, ha funzionato nei comparti della categoria Azionari internazionali. Quelli che hanno avuto la performance più alta negli ultimi 12 mesi devono dire grazie, soprattutto, alle azioni delle aziende che hanno un business solido e una forte posizione all’interno del proprio settore di attività (Economic moat). Insomma, fra chi ha un orizzonte globale, sono stati premiati in particolare quelli che hanno avuto un approccio prudente. La nicchia di Shire. Vontobel Fund Sustainable Global Leaders, gestito dal dicembre del 2012 da Roger Merz, guida la classifica dei fondi azionari globali grazie ad un rendimento a 12 mesi pari al 19,80% (in euro al 20 ottobre 2014)
Morningstar
Sui mercati azionari globali scarseggiano le occasioni per i gestori attivi. Secondo l’analisi di Morningstar, basata sul rapporto tra prezzo attuale dei titoli e fair value, sono pochi i paesi con quotazioni a sconto. Tra questi figurano Russia, Colombia, Brasile, Nigeria, Francia e Regno Unito. I più sopravvalutati, invece, sono Argentina, Israele, Finlandia, Indonesia, India, Belgio, Danimarca, Malaysia, Taiwan e Canada. Gli Stati Uniti sono più cari dell’Europa e dell’Asia, con un rapporto prezzo/fair value che è rispettivamente di 1,04 per i primi e 1,02 per le altre due regioni (dati al 31 agosto 2014). Partendo da queste proiezioni, abbiamo analizzato i portafogli dei fondi azionari internazionali (distribuiti in Italia) con Analyst Rating positivo (uguale o superiore a Bronze), per vedere dove investono. Il campione comprende 124 classi, con dati aggiornati tra fine giugno e agosto 2014. L’indice preso a riferimento è l’Msci World free.
Morningstar
“Riforme” è la parola-chiave per interpretare l’atteggiamento degli investitori sui mercati asiatici. Dopo le vendite scattate l’anno scorso in seguito all’annuncio della fine della politica monetaria ultra-espansiva da parte della Federal Reserve (tapering), l’area del Pacifico è tornata ad attrarre capitali. Morningstar stima flussi netti per 2,5 miliardi di euro nei fondi azionari Asia (escluso il Giappone) venduti in Europa da inizio anno, cui si sommano 5,5 miliardi in quelli specializzati sul Sol Levante.
Milano Finanza
L'autunno, ma soprattutto l'imminente inverno, porteranno consiglio ai soci fondatori, giornalisti e non, del Fatto Quotidiano. Secondo quanto appreso da milanofinanza.it, il progetto di quotazione definito per il mese di novembre dovrebbe infatti slittare. O meglio, vista la stagione, va in letargo almeno fino al prossimo febbraio. Questa è l'ultima novità emersa dal confronto tra azionisti, manager e consulenti al lavoro sul debutto a Piazza Affari sull'Aim Italia, il listino dedicato alle piccole e medie imprese. L'intenzione è quella di sbarcare in borsa per trovare capitali da destinare allo sviluppo del piano industriale, che punta molto sul business dell'online e sulla digitalizzaione
SPECIALI
Le News di Of
Ogni anno Lonely Planet, casa editrice australiana che firma le guide turistiche più conosciute al mondo, analizza opinioni e raccomandazioni sulle migliori destinazioni da visitare. Da questo lavoro di studio e confronti nasce il Lonely Planet Best in Travel 2015, che comprende il meglio per il prossimo anno nel campo dei viaggi. Ovvero: trenta destinazioni per 30 vacanze fuori dal comune. Sono i 10 Paesi, le 10 regioni e le 10 città da visitare subito. Of parte dagli stati e dai (buoni) motivi che li hanno fatti rientrare nell’ambita classifica: anniversari speciali, grandiosi progetti, lavori di recupero, nuove politiche per attirare il turismo internazionale e avvenimenti storici che daranno svolte decisive. E ancora: destinazioni emergenti e altre che rimarranno semi-sconosciute ancora per poco. Ecco la classifica dei 10 paesi imperdibili per il 2015.
Le News di Of
Rientrano nell’ambita classifica dei Best in Travel 2015 firmata Lonely Planet, dopo i 10 paesi imperdibili, anche le 10 regioni più promettenti dal punto di vista turistico. La nota casa editrice australiana specifica che, con il termine “regione”, si intendono porzioni di territorio con un paesaggio specifico o terre legate dalle stesse radici e dalla stessa cultura. Dopo un’attenta analisi che ha coinvolto centinai di suggerimenti provenienti dagli autori e dalla community, ecco quali sono le migliori regioni dove organizzare un viaggio il prossimo anno.
Le News di Of
I Best in Travel 2015 firmati Lonely Planet si concludono con le 10 città da vedere assolutamente il prossimo anno. E i motivi sono i più svariati: ci sono le capitali che presto festeggeranno anniversari storici e chi invece ha investito in importanti lavori di ammodernamento; chi sarà il fulcro di eventi di importanza mondiale e chi invece vive ancora una fase di isolamento, adornato da un’atmosfera unica. Dopo settimane di confronto e dibattiti tra viaggiatori, autori e community, ecco l’elenco definitivo: la lista delle 10 città da vedere nel 2015.
INCHIESTE
la Repubblica
Meno case popolari, più villini, abitazioni signorili e di tipo civile. Nel complesso, 37 miliardi di rendita catastale e un patrimonio immobiliare in crescita dell'1%, oltre quota 66 milioni di unità, tra il 2012 e il 2013. E' la fotografia che il catasto ha scattato al mattone degli italiani, aggiornata al 2013. Come riporta l'Agenzia delle entrate, l'anno scorso sono diminuite del 5% le unità immobiliari classificate come abitazioni ultrapopolari e aumentano le abitazioni di tipo civile (+1,6%), signorile (+1,4%) e i villini (+1,4%).
Il Sole 24 Ore
sette anni dall'inizio della grande crisi, le condizioni dell'economia mondiale sono molto lontane dall'essere tornate alla normalità. Tutto è cambiato, come sottolinea Goldman Sachs in un report che significativamente s’intitola “Avventure nel Paese delle Meraviglie” (Adventures in Wonderland). Dove il Paese delle Meraviglie non è quello di Alice e di Lewis Carroll ma per certi versi gli somiglia, in quanto a stranezze e sorprese. La politica dei tassi a zero ha infatti portato alla rottura di tutte le tradizionali relazioni che in passato governavano i cicli economici, e all'indebolimento dei vecchi strumenti di analisi di mercato. Secondo la banca d'affari statunitense (ma non solo) sono tre i possibili scenari per il futuro dell'economia e della finanza mondiale. Il primo è da brividi: stagnazione secolare. Crescita bassa, tassi rasoterra in eterno, inflazione debole. Aziende sbilanciate sul mercato domestico che si ritrovano in difficoltà. Volatilità dei mercati bassa, obbligazionario che regala più soddisfazioni dell'azionario. Le Borse mondiali cominciano a scommettere che questo sia il destino concreto dell'Eurozona. Speriamo si sbaglino
Il Sole 24 Ore
Le politiche accomodanti delle banche centrali e la bassa inflazione possono spingere i tassi dei bond ancora più in basso, creando una bolla. Che quando scoppierà farà crollare i corsi dei bond (la cui discesa, ricordiamo, corrisponde a un aumento dei tassi), trascinando probabilmente in basso anche l'azionario. Sul reddito fisso, che già ora appare sopravvalutato in termini relativi, i rischi sono concreti. Esattamente come lo erano per l'azionario a fine anni Novanta
Il Sole 24 Ore
Continua a migliorare il mercato del lavoro in Spagna: sulla spinta del turismo e con il risveglio del settore costruzioni la disoccupazione è scesa al 23,67%, il minimo dal 2011 . E continua a rafforzarsi nel terzo trimestre anche la ripresa dell’economia del Paese iberico con il Pil in aumento dello o,5% nonostante il rallentamento dell’attività che sta coinvolgendo l’intera Eurozona.
COMMENTI
Il Sole 24 Ore — Salvatore Padula
Diciamo la verità. Fa un certo effetto confrontare la rendita catastale complessiva attribuita al patrimonio immobiliare italiano con il costo fiscale che tra imposte dirette, imposte indirette e tributi locali i proprietari sopportano ogni anno. Quasi 37 miliardi di euro di rendita contro oltre 50 miliardi versati annualmente al fisco fra tributi e balzelli. Le tasse "pesano" molto più della rendita, per la precisione la superano di oltre il 35 per cento. Naturalmente, la rendita indica solo in teoria la redditività di un immobile. La realtà è diversa e sappiamo come la rendita non rappresenti il reddito figurativo che un proprietario ricava dal proprio immobile. Il nostro sistema di tassazione, infatti, utilizza come base imponibile il valore catastale di un fabbricato o di un terreno che si ottiene moltiplicando la rendita per determinati coefficienti che variano a seconda della tipologia dell'immobile
Il Sole 24 Ore — Hans-Werner Sinn
Il primo ministro francese Manuel Valls e il suo omologo italiano Matteo Renzi hanno dichiarato – o, almeno, insinuato – che non rispetteranno il fiscal compact, cioè il patto di bilancio che tutti gli Stati membri dell'eurozona hanno sottoscritto nel 2012; quello che, invece, intendono fare è aumentare il debito. La loro presa di posizione evidenzia un difetto insito nella struttura dell'Unione monetaria europea, che i leader europei dovranno riconoscere e correggere prima che sia troppo tardi. Il fiscal compact – o, formalmente, Trattato sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance nell'Unione economica e monetaria – è stato il compromesso raggiunto per convincere la Germania ad approvare il Meccanismo europeo di stabilità (Mes), essenzialmente un pacchetto di salvataggio collettivo. Il patto fissa un tetto massimo al deficit strutturale di bilancio e, per quei paesi con un rapporto tra debito e Pil superiore al 60%, stabilisce che esso debba essere ridotto ogni anno di un ventesimo della differenza tra il rapporto debito-Pil attuale e il rapporto debito-Pil obiettivo
INTERNAZIONALE
The New York Times Dealbook
Credit Suisse’s future is more workmanlike than its racy third quarter may suggest. The Swiss group revealed on Thursday that its investment bank had trumped Wall Street. Fixed-income trading revenue leaped by a half over the same period a year ago, against its American peers’ average increase in the mid-teens. But questions linger over Credit Suisse’s ability to maintain that performance if rates rise
MarketWatch
With money pouring into government bonds, mortgage rates have dropped again, though that doesn’t mean borrowers will be able get a cheap loan. The average rate for a 30-year fixed-rate mortgage fell to 3.92% in the week that ended Oct. 23, hitting the lowest level since early June 2013, federally controlled mortgage-buyer Freddie Mac reported Thursday. Impressively, the rate has shed three-tenths of a percentage point since mid-September. Sizable drops can lead to savings: A decline of half of a percentage point would cut a monthly home-loan payment by an average of $50, according to Michelle Meyer, an economist at Bank of America Merrill Lynch. Her estimate assumes a median home price of $221,000, with a down payment of 20%
MarketWatch
Homes in the U.K. capital have been among the hottest global assets in recent years, but signs continue to suggest the heat is escaping. Foxtons Group PLC (FOXT. LN), a prominent London real-estate agent, Thursday warned its full-year earnings will miss investors' expectations, with a cooling London market cited as the culprit. "Performance [from July 1 to Sept. 30] was negatively impacted by a sharp and recent slowing of volumes in London property sales markets following an exceptionally strong nine-month period," Foxtons said in a statement.
MarketWatch
U.S. stock futures pointed to losses at the Friday open, and Asian shares lost ground in morning trade, with the moves coinciding with reports of a new Ebola case in New York City. Thursday night, roughly 12 hours ahead of the open, futures for the Dow Jones Industrial Average DJIA, +1.32% suggested a 0.6% loss, while the Nasdaq 100 futures implied a 0.8% drop, and those for the S&P 500 SPX, +1.23% showed a 0.7% decline. Likewise, Asian indexes moved off their early Friday highs, with South Korea's Kospi SEU, -0.64% and Hong Kong's Hang Seng Index HSI, -0.14% both showing losses, though those markets were also influenced by local factors.
MarketWatch
Analysts are upbeat about the prospects for large-cap U.S. industrial stocks, so we have listed the 10 with the biggest potential upside based on consensus price targets. Industrial shares are driving a major rally for U.S. stocks today on the strength of better-than-expected earnings for several major players. Those include Caterpillar Inc. CAT, +4.97% which raised its profit outlook, despite CEO Doug Oberhelman’s disappointment with the pace of global economic growth. Caterpillar’s stock jumped 5% today. Shares of 3M Co. MMM, +4.39% rose 4.4% after the company reported a 6% year-over-year increase in third-quarter earnings and raised its guidance. General Motors Co. GM, -1.21% suffered a 14% decline in third-quarter profit, but that was actually good news, since earnings were better than expected and the operating margin for North America improved to 9.5% from 9.3%. The company’s shares slipped 1.2%
TECNOLOGIA
Il Sole 24 Ore
L'iPad Air, un anno fa, aveva fatto un deciso salto in avanti in termini di prestazioni e design. Il successore continua nella stessa direzione, confermandosi miglior tablet sul mercato, specie per qualità e quantità delle app, anche se questa volta fa un passo più corto. È sottilissimo: il 18% in più rispetto a Air per 6,1 millimetri. Ha il touch ID, il sensore che rileva le impronte digitali che Apple ha introdotto oltre un anno fa sull'iPhone 5S. Si conferma utile e soprattutto funziona sempre (tranne con le dita bagnate) al posto della password o per gli acquisti su App Store. In più, ora si potrà usare con Apple Pay, che però su iPad è limitato allo shopping online, e alcune app. Il display migliora, soprattutto nella capacità di ridurre il riflesso. La fotocamera ora si avvicina a quella dell'iPhone 6 con 8 megapixel, anche se non tutte le specifiche sono della stessa qualità. E il nuovo processore è l'A8: garantisce maggiore velocità della cpu e in particolare della grafica. In sostanza, l'iPad Air 2 colma le mancanze dell'Air rispetto agli iPhone
Milano Finanza
La rete è piena di contenuti personalizzati, si tratti di una raccomandazione di Netfix o i risultati di una ricerca su Google. Ma i consumatori sono sempre più contrariati dalla sempre maggiore personalizzazione anche dei prezzi a opera delle società di e-commerce, che chiedono somme differenti per gli stessi beni, o spingono determinate persone verso offerte più care. Da un nuovo studio sui maggiori siti web di e-commerce è emerso che queste pratiche, chiamate discriminatory pricing e price steering, sono molto più diffuse di quanto si immaginasse. Lo studio, condotto da un team di informatici della Northeastern University, ha tracciato i motori di ricerca di 16 popolari siti web di e-commerce. Sei di questi siti utilizzavano queste tecniche di pricing, ma nessuno di questi siti avvisava previamente i consumatori.
Corriere della Sera
Il trentacinquenne geniale non solo è stato l’ideatore del pulsante «Like», ma anche la mente dietro alle Google Maps. E in un’intervista con Tech Radar racconta come mai Facebook non ha creato il pulsante «Dislike». Spiega che l’opzione è stata discussa spesso, ma è sempre stata scartata perché «nel contesto della rete sociale, la negatività di quel pulsante ha un sacco di conseguenze spiacevoli». Un’arma a doppio taglio. Per Bret, e la sua ex azienda, se si vuole esprimere «dispiacere» per qualcosa, è meglio scrivere un commento, «perché probabilmente esiste una parola per ciò che si vuole dire». Il «Like», infatti, era stato introdotto anche per riordinare la pioggia di commenti poco significativi da parte degli utenti, come i «wow» o i «cool». Inoltre, sottolinea Tech Radar, un pulsante «Dislike» oggi non avrebbe molta utilità per gli inserzionisti sul social. Al contrario, potrebbe trasformarsi in un’arma a doppio taglio.
Il Sole 24 Ore
Milano su LinkedIn è la numero uno per le professioni legate alla moda e alla grafica design. Torino offre skill nell’aerospazio mentre Roma inaspettatamente ospita una nutrita schiera di sviluppatori Java. Il social network per professionisti per la prima volta è in grado di mostrare una mappa degli Stati Uniti e dell'Unione Europea, in cui è possibile visualizzare le skill maggiormente rappresentate utilizzando i dati provenienti da più di 175 milioni di utenti presenti sulla piattaforma. I dati italiani riguardano circa 7 milioni di utenti e le città rappresentate (quelle quindi con un numero minimo di utenti registrati) sono Milano, Torino, Bologna, Roma e Napoli. L'analisi di LinkedIn parte dalle competenze e dalle posizioni lavorative indicate dagli utenti sui propri profili per costruire la mappa – che mette in evidenza le competenze presenti in ogni città.
La Stampa
Ogni azione comporta una reazione: e spesso è una mail. Per mail la banca invia conferma di un pagamento, per mail risponde il servizio clienti di un’azienda, per mail Facebook e Twitter avvertono di nuove interazioni. Poi ci sono le offerte speciali, le mailing list, l’infinita varietà dello spam. Sepolti tra tanti bit inutili, ci sono pure messaggi importanti, però. E ora Google prova a riportarli al centro dell’attenzione con Inbox, un sito (solo per Chrome) e un’app (per iOS e Android) nati per «aiutare gli utenti a organizzare la loro email, mettendone in evidenza le parti più importanti, come numeri di telefono, immagini o status di volo», come spiega l’azienda in un post del blog ufficiale.
la Repubblica
TWITTER punta a passare da semplice app a una vera piattaforma 'mobile', sfidando big come Google, Facebook e Apple. Il social ha svelato Fabric, un kit per gli sviluppatori: rende più facile e redditizia la creazione di app. Tra gli strumenti forniti c'è Digits, che manda in soffitta la password consentendo di fare il log-in nelle app con il numero di cellulare. Un modo per semplificare la vita agli utenti ma anche per conoscere qualcosa in più su di loro, sfruttabile a fini pubblicitari.
MarketWatch
Amazon.com Inc. reported a significantly wider loss in the third quarter, despite a 20% boost in sales, as the company’s many investments continued to weigh on its bottom-line. The Web retailer also projected slower sales growth in the fourth quarter than analysts were expecting. Amazon’s shares AMZN, +0.07% , down about 4% over the past 12 months, fell 8% in late trading to $287. The stock has tumbled following each of its past two quarterly reports. The losses reflect Amazon’s heavy investments in new businesses and services that some investors worry are stretching the Seattle company too thin. This year, it has released an array of new offerings including a hand-held grocery-ordering device, unlimited e-book rental and streaming services, and its first set-top box and smartphone.
The New York Times Dealbook
If Google has its way, hammerhead sharks will swim through your office, elephants will fit in the palm of your hand and dragons will fly among the birds. These fanciful visions are being dreamed up by Magic Leap, a start-up making augmented-reality technology. On Tuesday, it landed Google as its biggest investor. Valuing Magic Leap at about $2 billion, the $542 million cash infusion from Google and other investors immediately vaulted the shadowy start-up into the upper echelons of young technology companies.
© 2010-2015 e-content.net | Dedicated Server Intermedia Co. (Palo Alto, California) | Tutti i diritti riservati | Vai alla pagina informativa della lista OFNews per disattivarti o per invitare qualcuno






LE NEWS PIÙ LETTE


10

1) Mutui, ecco perché è ancora crisi (aggiornato)

Bene i mutui di liquidità. Male quelli per l’acquisto della casa, ancora al palo soprattutto per i giovani. Gli spread in media sono alti. E i costi sono in aumento, soprattutto per le assicurazioni accessorie (spacciate per obbligatorie). Le novità, per ottenere sconti? Richiedere meno soldi. Pagare rate più alte (per meno tempo). E prestare un occhio alle promozioni. Come l'ultima di Intesa Sanpaolo con spread all'1,85%, tra i più bassi in offerta

2) Lonely Planet Best in Travel 2015/I 10 migliori Paesi da visitare il prossimo anno

Ci sono Singapore e la Namibia che il prossimo anno festeggeranno anniversari importanti. Altri paesi, come le Filippine e il Congo, che stanno promuovendo l’immagine delle loro terre. E altri ancora, come Serbia e Saint Lucia, da esplorare subito, prima che diventino troppo turistici. Ecco le 10 nazioni da visitare nel 2015. Consigliate da Lonely Planet

3) Lonely Planet Best in Travel 2015/Le 10 migliori città da visitare il prossimo anno

Washington, El Chaltén, Milano, Zermatt, La Valletta… Secondo Lonely Planet queste (e altre cinque) sono le città su cui scommettere nel 2015, dal punto di vista turistico. Ognuna vanta i suoi motivi: ci sono i centri emergenti, quelli in rapidissima espansione; le città dove si celebreranno anniversari importanti e quelle che saranno sede di eventi di rilevanza internazionale. Ecco quindi cosa visitare il prossimo anno

4) Btp Italia, non è più quello di una volta. Ma… (aggiornato)

5) Lonely Planet Best in Travel 2015/Le 10 migliori regioni da visitare il prossimo anno

6) Of-MigliorConto 2014. Novità d’autunno: UniCredit, Widiba e Banco Desio

7) Natale in montagna. Dove costa meno (con le offerte online)

8) RCA, la polizza è satellitare. 10 preventivi per una Panda

9) Natale al caldo: 6 mete per rincorrere il sole

10) Cerchi un mutuo? Un conto? Diventa socio (riaggiornato)


10

1) Cerchi un mutuo? Un conto? Diventa socio (riaggiornato)

Il credito ha chiuso i rubinetti. Ma Popolari e BCC sono la lieta eccezione. Tuttavia sempre più spesso chiedono ai nuovi clienti di diventare soci. I vantaggi sono evidenti: avere il tanto agognato finanziamento. Ottenere condizioni migliori per conti e prestiti. Gli svantaggi? Dover pagare una sorta di sovrapprezzo. E… Le ultime novità da Banca Popolare di Piacenza e BPER

2) Of-MigliorConto 2014. Novità d’autunno: UniCredit, Widiba e Banco Desio

Il mese di settembre, e i primi giorni di ottobre, hanno visto il lancio di ben 8 nuovi conti correnti. UniCredit ha presentato la nuova gamma MyGenius: il conto standard si può arricchire di 3 diversi moduli (con canone mensile più elevato) per ottenere altri prodotti di cui si ha bisogno. Widiba, la nuova banca online di MPS, ha visto la sua nascita sul web con un conto altamente personalizzabile e con riconoscimento vocale al posto del token. Banco Desio include nella sua offerta un conto (Start) per chi effettua poche operazioni e due (Premium ed Elite) per chi, invece, ha bisogno di un numero elevato

3) Guida agli investimenti 2014

Quali saranno le migliori opportunità di investimento e gli scenari economici prevalenti nel 2014? OF prova a fornire un vademecum ragionato rispondendo a dieci interrogativi sulla base della ricerca e dell'esperienza dei maggiori investitori internazionali. Perché ricorrendo a qualche accortezza, come il 2013, anche il 2014 potrebbe essere un anno positivo per i risparmiatori

4) Of-MigliorConto 2014/I vincitori. Premiaconto plus di Banco Popolare è il più completo

5) Cerchi un mutuo? Un conto? Diventa socio (riaggiornato)

6) Of-MigliorConto 2014/I vincitori. Hello! Money di Hello bank! è il Miglior Low Cost

7) Ottobre in viaggio: gli eventi di 8 capitali europee

8) Mutui. Il momento d’oro delle ristrutturazioni

9) Of-MigliorConto 2014. I prodotti per i ricchi

10) Ottobre italiano: gli eventi da non perdere

Tutte le news più lette

CONNESSI AL MONDO DELLE NEWS

Rassegna stampa da 100 siti.
OfNews è la prima Rassegna Stampa e Tv online. Ogni mattina online o anche via email ti offre una selezione ragionata, realizzata da una redazione di giornalisti, delle principali notizie apparse sul web e firmate da oltre 100 siti di news e tv, italiani e internazionali. OfNews ti informa su economia, finanza e tecnologia (web, cellulari e hitech)


Leggi OfNews: economia, finanza e tecnologia


 HOME PAGE | SCRIVI | CHIEDI | TORNA IN ALTO
© 2009-10 OFNetwork s.r.l. P.IVA 06826940964 Corso Magenta 32 20123 Milano | Dedicated Server Intermedia Co. (Palo Alto, California) | Tutti i diritti riservati | Contattaci |